BELDì

Il progetto è promosso dalla Rete Beldì, di cui è capofila il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università Federico II per promuovere un sistema integrato di servizi sperimentali a supporto della conciliazione vita-lavoro e finanziato nell’ambito del POR Campania FSE 2007-2013 (Asse II Occupabilità, Ob. Specifico F Migliorare l’accesso delle donne all’occupazione e ridurre le disparità di genere, Ob. Operativo f2) Accordi Territoriali di Genere). Il Progetto Beldì si propone di integrare dimensioni formative, valutative, progettuali e supportive per favorire esperienze di conciliazione riuscite sul piano organizzativo e psicologico, mediante l’attivazione di 4 interventi sperimentali:

Intervento 1 “La network family friendly” Referente: prof.ssa Fortuna Procentese

Messa in rete di imprese pubbliche e private territoriali, finalizzata all’introduzione e circolazione di best practices nelle aziende coinvolte.

Include:

  • Raccolta di buone pratiche in tema di conciliazione
  • Valutazione di genere delle aziende
  • Analisi della domanda e dei bisogni mediante somministrazione di questionari.
  • Seminari e workshop formativi per il personale ed incontri con referenti di aziende già family friendly

Destinatari:
dipendenti e responsabili aziendali di imprese pubbliche e private territoriali, all’uopo selezionati.

Intervento 2 “Web care” Referente: dott.ssa Filomena Tuccillo

Percorso web di informazione e presa in carico personalizzata sulle difficoltà di conciliazione (care programs personalizzati), mediante costruzione di una piattaforma web .

Include:

  • Questionari auto valutativi
  • Strumenti informativi (booklet e postcad con downloading,newsletter, forum di discussione)
  • Supporto online (suggerimenti day by day e consigli audiovisivi)
  • Sistema di geolocalizzazione di esperti e centri di supporto

Destinatari: utenti del web

Intervento 3 “Mai più aut aut” Referente: dott.a Valentina Manna, dott.a Immacolata Di Napoli

Sportello di inchiesta-inserimento-supporto rivolto a lavoratrici madri che intendono lasciare il lavoro a causa di difficoltà di conciliazione. Raggiungerà le donne che si rivolgono alla Direzione Territoriale del Lavoro per presentare dimissioni in periodo protetto .

Include:

  • Analisi quail-quantitativa del fenomeno delle dimissioni con produzione di database e report in costante aggiornamento
  • Conduzione di colloqui mirati
  • Attività informativa e di supporto al reinserimento lavorativo delle dimissionarie.

Destinatari: lavoratrici madri dimissionarie

Intervento 4 “E’ figlie’ so’ piezz e cor” Referente: dott.a Immacolata di Napoli, dott.a Valentina Manna

Programma di sostegno alla genitorialità per lavoratrici madri, dimissionarie, immigrate e precarie focalizzato sulle difficoltà di conciliazione sul piano organizzativo e psicologico.

Include:

  • Sportello di sostegno alla genitorialità;
  • Help desk di mutuo-aiuto: babysitteraggio gratuito e assistenza domiciliare mirati per la zona di Ponticelli (VI Municipalità) e le territorialità delle aziende che saranno coinvolte
  • Laboratorio fotografico sui legami in una prospettiva di genere

Destinatari diretti: lavoratrici madri residenti nel territorio

Destinatari indiretti: donne disoccupate da impiegare nell’help desk; bambini di lavoratrici madri che vivono in famiglie con esigenze di conciliazione.

La Rete Beldì

Beldì si inserisce nell’ambito delle attività di ricerca e intervento nazionali e internazionali promosse dal Dottorato di Ricerca in Studi di Genere, Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e nasce all’interno di una rete di rapporti interistituzionali consolidati negli anni tra gli Enti che si occupano di Pari Opportunità nel contesto napoletano.

La Rete che promuove il progetto Beldì è composta da:

  • Dipartimento di Studi Umanistici (Capofila), responsabile scientifica: prof.ssa Caterina Arcidiacono, Ufficio Centrale di Progetto: dott.ssa Valentina Manna, dott.ssa Patrizia Cozzolino, Rosario Peluso
  • Comune di Napoli, referente prof.ssa Simona Marino, Delegata Pari Opportunità del Comune di Napoli
  • Consigliera di Parità della Provincia di Napoli, referente dott.ssa Luisa Festa
  • Unione Industriali di Napoli, referente dott.ssa Annamaria Schena
  • CGIL, referente dott.ssa Rosalba Cenerelli
  • CISL, referente dott.ssa Anna Letizia
  • UIL, referente dott.ssa Isabella Bonfiglio
  • Cooperativa Sociale Consorzio Confini, referente dott. Alessandro Desiderio